CHI SIAMO:

Pier Paolo Iacopini, saxofonista

Mi chiamo Pier Paolo Iacopini e sono concertista di saxofono.
La mia formazione è stata prettamente classica (ho studiato con C. Taddei, prestigiosa prima parte dell’orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia) e anche la mia attuale attività di concertista si rivolge al repertorio “classico” e contemporaneo del mio strumento.
Mi sono diplomato con il massimo dei voti e dal 1994 insegno saxofono presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari.

Ho cominciato la mia attività professionale nel 1979, suonando come “professore aggiunto” con l’ “Orchestra Nazionale di Santa Cecilia” e spesso affianco alla normale attività di solista e camerista tutta una serie di performance in “solitario” in differenti contesti artistici (spettacoli teatrali, eventi di danza contemporanea mostre di pittura, ecc). Ho vinto i concorsi: “Giovani Promesse” di Taranto con medaglia “Presidenza della Repubblica” e “Premio Stampa”;  “Amici della Musica di Castel Sant’Angelo” in Roma; Concorso Internazionale di Musica da Camera “Città di Massafra”. 

Mi sono anche dedicato per alcuni anni intensamente al jazz, con cui adesso mantengo un rapporto più occasionale. Fin dall’inizio dei miei studi musicali, ho avuto un interesse molto forte a relazionare la sonorità del mio strumento, con il grande repertorio della Musica colta europea, da cui il saxofono per motivi anagrafici è chiaramente escluso, e da alcuni anni propongo nei concerti, miei lavori di trascrizione che spaziano dal Barocco al Novecento.

Nel 2002 ho suonato in prima esecuzione assoluta, la mia versione della “Ciaccona” tratta dalla “Partita in re minore BWV 1004” per violino solo di J.S.Bach. Nel Dicembre del 2013 questo mio lavoro ha suscitato l’interesse della “Preludio Edizioni” di Milano, che ha pubblicato l’intera trascrizione della “Partita BWV 1004”, invitandomi ad eseguirla nei suoi studi durante unadiretta streaming.

Molti compositori italiani mi hanno dedicato i loro lavori per saxofono, anche in formazione di quartetto ed alcuni di questi nel 2010, sono stati presentati alla New York Universitynell’ambito di un “Composer Forum”.

Un incontro ed un rapporto per me fondamentale dal punto di vista musicale e umano è stato quello col compositore Dimitri Nicolau, i cui lavori (di alcuni dei quali sono dedicatario), per il loro valore di reale novità nel panorama contemporaneo italiano, sono sempre presenti nei miei programmi.

Voglio qui citare inoltre in particolare gli autori: Alessandro Annunziata, Massimo Trotta, Federico Biscione, Riccardo Santoboni.

Nel 1999 ho pubblicato un CD per l’etichetta statunitense“BRIOSO RECORDINGS”, dedicato ad autori francesi del ‘900 storico.

Alessandro Annunziata, compositore

Alessandro Annunziata è nato a Roma nel 1968. Suona e compone musica fin da giovanissimo. Si è laureato col massimo dei voti in Lettere e Filosofia con indirizzo musicologico presso l’Università "La Sapienza" di Roma, discutendo una tesi sul teatro musicale napoletano del Settecento. Ha parallelamente studiato pianoforte e composizione nella sua città natale con diversi insegnanti. In seguito ha deciso di allontanarsi dagli ambienti accademici per proseguire e perfezionare la propria formazione musicale in modo autonomo, accostando allo studio del repertorio classico e contemporaneo una personale e libera ricerca nel campo della musica popolare, in special modo quella di area mediterranea ed europea. 

 

Ha svolto per diversi anni attività musicologica, pubblicistica, di insegnamento e divulgazione musicale presso istituti privati e scuole pubbliche. Autore di programmi radiofonici di argomento musicale, consulente musicale per la Rai e programmista regista per il canale culturale RaiSat 1, per il quale ha curato le riprese televisive di opere liriche e concerti, dal 1999 al 2013 è stato redattore e coordinatore editoriale della «Nuova Rivista Musicale Italiana» diRai-Eri.

 

Le sue musiche vengono regolarmente eseguite da molti prestigiosi artisti, orchestre, ensembles, nell’ambito di numerosi festival, sia in Italia che all’estero. Fra questi: Lincoln Center of performing arts – Juilliard School (NY), MoMa - Museum of modern art (NY), Auditorium Parco della Musica (Roma), Cantiere Internazionale dell’Arte di  Montepulciano, Fondazione Perugia Musica Classica, Festival “I Suoni delle Dolomiti”, LingottoMusica, Auditorium del Lingotto (Torino), Toronto Chamber Music Downtown (Canada), Salle Tudor – Maison Ogilvy (Montreal, Canada), Società del quartetto (Milano, Italy), Accademia Filarmonica Romana, Barletta Piano Festiva & Amici della Musica “Mauro Giuliani” (Barletta), Flaneries musicales de Reims, (Francia);

ARTISTI: New Juilliard Ensemble (New York), direttore Joel Sachs; I Musici de Montréal, Orchestra Benedetto Marcello (Italia), Orchestre In-ex-Tempo (Francia), Orchestre du Saguenay-lac-St. Jean (Québec - Canada), Orchestra Metamorfosi (Italia), Juniorchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, Banda Sinfonica dell’Arma dei Carabinieri, Balcan Festival Orchestra (Romania); Alcan String quartet (Québec - Canada), Quartetto Red4Strings (Italia), Quartetto Pessoa (Italia), Quatuor Trilles du diable (Francia), Tetraktis percussioni (Italia), To be sung trio (Olanda), Trio Albatros Ensemble (Italia), Trio Saxiana (Francia), Trio Wilbaux (Canada), Trio Strings & Hammers (NY), Renaissance Sax Quartet (Italia); solisti: Laura Andriani, violino; Ivano Ascari, tromba; Fernando Rossano, pianoforte; Francesco Del Fra, pianoforte; Pasquale Iannone, pianoforte; Eunmi Ko, pianoforte, Pierpaolo Iacopini, saxofono, e molti altri ancora.

Dopo aver ottenuto più di cento esecuzioni tra Italia, Canada e Francia, la sua composizione "Meltemi", per quartetto d'archi è stata scelta come colonna sonora del cortometraggio "Mémoires animées" del regista canadese Boran Richard (Canada, 2010).
         Con il Concertino mediterraneo, per saxofono contralto e orchestra d’archi, è stato selezionato tra i quattro finalisti del 2° Concorso Internazionale di Composizione “Città di Orihuela” (Spagna) 2015 (Concurso de Composition Ciudad de Orihuela).

 

Le sue partiture sono edite da RAI TRADE, da Gérard Billaudot Editeur - Paris, da Editions Arpéges - Paris, e da Mnemes – Alfieri & Ranieri Publishing di Palermo. Le sue musiche sono state recentemente trasmesse dal Rai Radio 3, dalla Filodiffusione Rai, da Rai International, Radio France, Radio Canada - CBC, Radio Beethoven 96.5 (Cile), Radio Vaticana e da Radio Città Futura; sue musiche sono state pubblicate su Cd Atma Classique (Canada), Edizioni discografiche La Maggiore (Perugia), Edizioni Tetraktis Percussioni.

Angelo Colone, chitarrista

Interprete del più significativo repertorio per chitarra dei principali compositori italiani contemporanei, solista apprezzato dalle maggiori istituzioni musicali internazionali, Angelo Colone si è diplomato e perfezionato con Alirio e Senio Diaz, Bruno Battisti D’Amario, Angelo Gilardino. Invitato a suonare per istituzioni culturali come l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e la Casa di Goethe di Roma, l’Accademia Chigiana di Siena, si esibisce dalla fine degli anni Ottanta in sale e teatri italiani tra cui il Teatro Eliseo, il Teatro Olimpico, l’Auditorio Parco della Musica di Roma; il teatro Regio di Parma; il Teatro Metropolitan di Catania; il Salone Magliabechiano degli Uffizi e la Sala Luca Giordano di Palazzo Medici Riccardi a Firenze. All’estero è stato invitato da enti culturali di rilievo internazionale in Cina, India, Olanda, Svizzera, Malta, Belgio. Interviene frequentemente in trasmissioni radiofoniche delle emittenti RAI, RAI International e Radio Vaticana, ed ha partecipato come ospite ad eventi letterari in occasione della presentazione di nuove opere letterarie di autori quali Sergio Zavoli e Luis Sepùlveda. Il suo ampio repertorio per chitarra solista e per formazioni cameristiche comprende musiche di compositori italiani (Goffredo Petrassi, Mario Castelnuovo- Tedesco, Angelo Giardino); compositori spagnoli (Manuel De Falla, Joaquin Turina, Joaquin Rodrigo, Antonio Josè); compositori latinoamericani (Astor Piazzola, Manuel Ponce, Alberto Ginastera, Augustin Barrios-Mangorè, Heitor Villa- Lobos). Nel corso della sua carriera concertistica Angelo Colone ha preso parte a progetti originali di ricerca registrati in significativi CD, tra cui: “Sonetterra” con il Sestetto Moderno (1997), “Sintesi” (2002), “Angelo Angelo” (2004) contenente la prima registrazione assoluta del concerto per chitarra e orchestra Leçons de ténèbres, di Angelo Gilardino, “Goffredo Petrassi - Opere per chitarra” (2007), una monografia su Mario Castelnuovo- Tedesco per la collana “I Maestri della chitarra” della rivista Seicorde (2008) realizzata in occasione del quarantesimo anniversario della scomparsa del compositore fiorentino e seguita da un ciclo di trasmissioni dirette e curate da lui stesso per la Radio Vaticana, e il più recente “Angelo Colone Plays Angelo Gilardino” (2012).Numerose le sue collaborazioni con Orchestre sinfoniche come prima chitarra: “West Side Story” diretto da Boris Brot, “Kiss me Kate” di Cole Porter diretto da Alessandro Panatteri, l’Oratorio “Passio Ceciliae” diretto da Flavio Scogna , per la stessa etichetta sta completando la registrazione completa delle opere del compositore F. Moreno Torroba. Numerose le sue collaborazioni anche nell’ambito del jazz e della musica d’autore con nomi di assoluto rilievo quali il sassofonista argentino Javier Girotto e il cantautore Mimmo Locasciulli. Angelo Colone suona una chitarra Rosazza-Ferraris e una Ramirez.

Francesco Del Fra, pianista

Francesco Del Fra si diploma in pianoforte a ventidue anni presso il Conservatorio “L. Refice” di Frosinone a pieni voti sotto la guida della prof.ssa Grazia Barbanera. Nel 2000 fonda l’Ensemble corale Dodekachordon, di cui è tutt’ora direttore, con il quale tiene regolarmente concerti e spettacoli originali di musica sia sacra che profana, dal Medioevo al Novecento, lirica e sacra. Affascinato dalla musica da camera, nel 2005 consegue il relativo diploma triennale presso il Conservatorio di S. Cecilia, sotto la guida dei maestri Cerroni e D’Amico. Insieme al clarinettista Vincenzo Isaia, fonda il “Duo Résonance”, vincendo premi in numerosi concorsi nazionali e internazionali. Nel 2009 consegue brillantemente il diploma di corso di perfezionamento tenuto dal M° Bruno Canino in Musica da Camera presso la Scuola di Musica di Fiesole, e da allora si esibisce regolarmente in festival e stagioni di Musica da Camera italiani, collaborando con compositori e artisti di fama internazionali, quali Alessandro Annunziata, Alessandra Capici, Francesco Mariozzi, Pierpaolo Iacopini e Fujiko Hirai. Con quest'ultima la proficua collaborazione sfocia nella messa in scena di “Tosca” e “Madama Butterfly”, prodotte dall'Associazione culturale Dodekachordon, di cui è direttore artistico dal 2009. Come direttore e maestro concertatore ha in repertorio anche “Cavalleria rusticana”, “Traviata”, “Trovatore”, “Carmen”, “Don Giovanni” ed altri titoli.  È ideatore di progetti innovativi e sperimentali come “Cavalleria metropolitana”, rielaborazione teatrale e musicale di “Cavalleria rusticana” di Verga-Mascagni, e di progetti divulgativi per le scuole.  È dedicatario di musiche originali composte da autori viventi e si esibisce come pianista in festival di Musica Contemporanea quale “Il cantiere internazionale delle arti” di Montepulciano. È direttore artistico dell’Associazione culturale DODEKACHORDON che collabaora con il CLM per la realizzazione dei suoi progetti concertistici.

L’Associazione Culturale Dodekachordon nasce nel settembre 2009 con l’intento di diffondere la musica di qualità (classica e non, sacra e profana, corale e strumentale), nonché di promuovere altre discipline artistiche, di sponsorizzare giovani artisti e di valorizzare il patrimonio artistico nazionale. 
   Sotto la direzione artistica del M° Francesco Del Fra essa ha organizzato numerose attività e manifestazioni, tra cui concerti di musica antica e classica in generale, mostre fotografiche, spettacoli teatrali di compagnie di giovani attori, opere liriche in forma scenica.
      Tra le varie attività, spiccano inoltre la produzione e l’organizzazione del “musical rinascimentale” originale O dolcezze amarissime, spettacolo in costume ambientato nella corte di Ferrara di fine Cinquecento ed incentrato sulla figura di Torquato Tasso, che coniuga la musica antica e la rappresentazione scenica. Lo spettacolo è stato replicato a Roma in diverse sedi, ottenendo un ottimo successo di pubblico. L’Associazione Culturale Dodekachordon organizza dal 2010, presso il Teatro Aurelio prima e presso lo “Spazio 85” poi in Roma, delle stagioni culturali con la partecipazione di artisti di fama internazionale e giovani emergenti, costituite da eventi musicali e teatrali che spaziano dalla musica antica al teatro di prosa del Novecento, culminate nella messa in scena delle opere “Madama Butterfly” e “Tosca” di G.Puccini.
      Fra gli artisti ospitati nelle varie stagioni spiccano Fujilo Hirai, Rosario Cicero, gli Skatò Saxophone Quartet, Nora Tabbush, Andrea De Carlo, Alessandro D’Agostini, Marcella Orsatti Talamanca, Carmelo Salemi, Alessio Quaresima Escobar, Simone Colavecchi, Miriam Spera, Rosario Tronnolone.
     L’Associazione Dodekachordon ha inoltre organizzato nell’ex Municipio XVII di Roma, con la collaborazione della Rete “Associazioni 17” e il sostegno del Comune di Roma e della Regione Lazio, le rassegne “PratiCare” (2012) e “PratiCare 2” (2013), mettendo in scena le opere “Madama Butterfly” e “Tosca” e organizzando vari concerti e un festival di musica vocale internazionale. Nel maggio 2015 ha prodotto ed allestito l’opera Madama Butterfly, con scene originali ed orchestra, in collaborazione con il coro “Ventuno” di Tokyo.

Associazione culturale Dodekachordon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon